Notte

Immagine

 

Sempre di notte. Non avrò parole per raccontarti i suoi contorni, gli angoli dove spariscono i colori o respirano piano le emozioni. Emozioni di notte sincopate quando ascolti solo il respiro sfuggente del tuo cuore. Questo di notte, e ancora ti aggrappi all’ ultimo svanire dei sensi che si confondono nel sonno e ti senti ancora capace di un pensiero tuo. La notte come un animale che non conosce il suo nome nè quello del suo padrone.
Essere insieme ad ascoltarne i fruscii senza risposte che si rincorrono nell’ ambiguità, non sai le risposte ma ti piacciono le domande. E le luci che improvvise ti immagini vicine ai tuoi occhi chiusi. Cosa farai domani se ancora l’ oggi ti opprime di necessità. Ti occorre una notte lunghissima per rendere pianura le tue braccia e le gambe selvaggina pronta a scattare, al primo apparire di un predatore ansioso, e sai che sarà improvvisa l’ alba a svegliarti, non c’è mai tempo per riposarti con continuità e ti sembra di consumarti piano.
E allora cerchi il metallo al buio, quasi facesse parte di te, il vetro sa di freddo, togli la nebbia dagli occhi e accendi una luce amica, ti sembra nuova la stanza che conosci e ritrovi di colpo le distanze. Un ultimo desiderio di guardare ancora cosa resta del giorno o ti scatta improvvisa la voglia di raccontare, accendi il computer e ne ascolti rapito il rollio, di barca immobile dentro un silenzio tuo, affondi i tasti quasi invisibili e lasci fluire rapide le parole, fermandoti solo quando un brivido ti sale dai piedi nudi e si spenge nel caldo delle gambe, in bilico instabile sulla sedia che si muove.
Può nascere allora tirata a sorte una musica di sussurri, e le parole si chiamano e si dispongono sul video come se conoscessero da sole il loro posto.
Non sapere mai prima cosa sarà per te la prima rilettura quando si spenge il desiderio di cercare e ti senti vuoto, ripercorri rapido le insenature dei suoni, riconosci le pause, ricordi le scelte, le piccole gioie che regala una parola improvvisa che ti assale dal fondo della memoria a completare per te la frase.
Qui uguale a tutti quelli che hanno scritto e che scriveranno, finchè ci sarà bisogno di raccontare, la notte.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...