Il tempo dell’attesa

Il tempo dell’attesa                                         

Come a fresca fontana mi abbevero

stanotte

vengo a te da quali distanze

calpestando la sabbia dei ricordi

mia luna che illumini

il sentiero nell’erba

alla radura.

Penetrano le carezze

fino al cuore.

E non mi resta

che l’eco dei tuoi passi

a scandire il tempo

lento

dell’attesa.

 

 Il tempo dell’incontro

Arrivi e sorridi

densa come una certezza:

il tuo è il passo di danza

di  bambina che non conosce

il dolore e diffondi trasparenze e riflessi azzurri, musicale come

una armonia di continui incontri.

La tua pelle ha contorni di nuvola e il tuo sorriso ha lo sguardo crudele degli dei.

Ma possiede dolcezza.

E’ impossibile non perdersi dentro l’infinito scorrere della tua bellezza.

Sapere che ogni tua emozione mi appartiene

è la gioia più profonda che il mondo mi abbia regalato.

Me la porto dentro con la complicità di tutti i miei silenzi.

I nostri passi insieme hanno sapore di pianura:

ci troviamo a scodinzolare come cuccioli

quando arriva il nostro padrone:

questo amore di respiro che ci ama e ci distrugge.

 

 

Annunci

Un pensiero su “Il tempo dell’attesa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...