Dritto dalla bocca del cavallo.

“Dritto dalla Bocca del Cavallo” – Maria C. Seddio   (Copyright, 1999) Articolo pubblicato in Italia per la prima volta sulla rivista “Hamlet” nel 1999, e su http://www.transfinito.eu, nel 2005   Maria Seddio è fondatrice e presidente di Corp Talk®: http://www.corptalkonline.com/

Fonte dell'immagine: http://it.wikipedia.org/wiki/Monty_Roberts#mediaviewer/File:Monty_Roberts_at_work.JPG
Monty Roberts mentre lavora http://it.wikipedia.org/wiki/Monty_Roberts#mediaviewer/File:Monty_Roberts_at_work.JPG

Straight from the Horse’s Mouth: All it takes is a Whisper

How to boost employee motivation and performance with a “soft touch”

It’s said that a good trainer can hear a horse speak to him, but a great trainer can hear him whisper.  By this definition, Monty Roberts is a great trainer.  Monty has broken away from some of the most stubborn traditions in horse training, re-conceptualizing our relationship with our equine friends. He hasn’t just improved old methodologies. He has changed the game entirely by deconstructing the fear-based training paradigm.  Along the way, he is converting whole armies of believers to his softer approach. The corporate world can learn a thing or two from Monty, when it comes to employee motivation and performance in the workplace.

No whips.

No control and command.

No punishment.

No fear.

After years of studying and observing horses both in training stables and the wild, Monty has deciphered and ascribed meanings to the non-verbal gestures of the horse. Through movement, horses speak to him and he knows how to listen. He has transferred his observations and some deeper discoveries into the arena. And he is a man with a clear mission: his goal is to leave the world a better place–for horses and people–than he found it. Monty has dedicated himself to teaching others about Equus, this non-verbal language, and the ways in which we can use it to better understand horses and ourselves. His work is about building trust and increasing cooperation and collaboration through honest, open, safe communication, and he has some worthwhile lessons to share with business leaders and their teams.

Having horse sense

After all, what organization couldn’t benefit by some horse sense? Monty describes horse sense as good, solid, sound thinking based in intuition and experience.

Businesses fly corporate leaders and their teams out to his “Flag is Up” farm in Solvang, California, to witness what Monty calls “join up,” the gentle saddling of an “unbroken horse” within a closed arena. “Join up” is a series of cued communications – a non-verbal dance between the horse and the trainer that follows a prescribed protocol. “Join up” requires just a few hours of one-on-one interaction and establishes a strong level of trust and security between the horse and trainer.

Successful “join up” is evidenced by the horse allowing itself to be saddled and ridden as an outcome of the session. This is different from traditional breaking methods, which require anywhere from 3 weeks to 2 months and involve ropes and restraints and considerable pain for the horse.  The goal in traditional training is to dominate the horse’s spirit and will (hence the term “breaking”), so it will acquiesce to the trainer and submit to a saddle and rider.

Sound familiar?  Who has not come away dispirited as a result of a bad day or worse at work?

Soft touch vs. tough love

I am personally biased here, as I am naturally attracted to Monty’s work.  In my early career right out of college, I worked with racehorses. I witnessed the different styles of interaction in the different stables.  In my eyes, the trainers who had a soft, firm, gentle touch set themselves apart from the others.  Their stables seemed to consistently outperform the “tough love” stables. In addition to succeeding in the races, they attracted the best stable hands and owners and had fewer lameness issues or breakdowns.

You can’t tell a horse what to do

That racetrack experience influences the organizational work I do today in important ways. I learned, very simply, that you can’t tell a horse what to do.  The horse decides what it will or will not do. And isn’t it similarly true in our work with each other?

A strong stable of work

Notwithstanding my endorsement, Monty’s work stands on its own: he has an impressive set of statistics. His accomplishments read more like a cavalry of horsemen rather than a single rider. With over 60 years in the saddle, he has won just about everything in the Western rodeo circuit and made his mark with thoroughbred horses, including the extraordinary Alleged, two-time winner of the prestigious Arc de Triomphe in Paris.

Monty has “gentled” over 10,000 horses and has demonstrated his technique to well over 100,000 people. His book, The Man Who Listens to Horses, has sold over 3,000,000 copies and has been translated into 14 languages in more than 20 countries.  He has been featured in American and British television and has worked in the Hollywood film industry, doubling for such actors as Elizabeth Taylor in National Velvet and James Dean (his friend) in East of Eden.

The catch

None of this came easy.

Monty’s commitment to do away with pain and force was forged in a difficult and violent relationship with his father, Marvin Earl Roberts.  In addition to running a riding academy, Monty’s father operated an 800 box stall, 20,000 seat equestrian arena and, like many trainers of his day, used barbaric training methods on his young horses.  He used some of the very same methods on young Monty.

There’s a better way

Yet Monty did not follow in his father’s footsteps. Instead, he rejected violence, believing there was a better way to develop horses, a gentler way, and he set about to prove it. One day, Queen Elizabeth would invite him to come to England to work with her trainers and stable of thoroughbreds. And the world would come to recognize and share his commitment to a respectful, loving and gentle relationship with horses.  Until that time, though, he was criticized and pressured by his father to abandon his quest. But, at 17, Monty made a vow to his cherished horse, Brownie, that he would dedicate his life to learning the horse’s language. And he never reneged that promise.

Where did this motivation and sense of stamina come from?

The other day, I had an opportunity to speak with Monty and ask him about his work.  He was pleased to share some of his thoughts with Hamlet readers and optimistic about the many ways in which a gentler, more respectful approach in the workplace would benefit everyone involved — employees and business leaders alike—and, also, ensure corporate responsibility and profit.  It was 9:00 am when I called the farm and heard this warm, solid voice with a slight California cowboy lilt answer the phone on the first ring, ready to get down to business.

Motivating employees: meet them where they are

(MS)  Organizations are always looking for new ways to motivate employees – they tie rewards to performance and they chart employee competencies and such. But well intentions aside, employees still struggle to stay motivated. Many of our readers are in the human resources and organizational development fields. What can they learn from you and how can they transfer your philosophies and practices regarding communication and interpersonal trust into the workplace?

(MR) It’s important to understand the concerns of employees, meet them where they are and allay and arrest all worries so you can build an environment where it is safe for them.

You know there’s not much difference between people and horses, particularly people when they are at work.  Sure, horses don’t have mortgage payments, but they have the same survival issues.  They worry about their food sources. They’re asking, “is there water in the trough?”  “Is my place safe?”  Beyond food, water and physical survival, they are looking for emotional safety.

Creating safe environments

We need to create safe environments in the workplace where people can learn to depend on each other, where we can raise the bar on our expectations, not lower it.  We can always succeed in the short term by using intimidation, fear and violence.  It works fast.  If we need to get the job done by Thursday and I yell and scream and everyone does what I tell them to, then we will get the job done by Thursday.  When that happens, you get quick results and you habituate to the behaviors.

We have to be willing to let Thursday come and go, and be willing to face that black hole.  Decision-makers and business leaders need to get through that point.  They have to opt, to choose for themselves, to get through that black hole.  They need to develop the strength of character to hang tough, because, on Friday, we will pick up the pieces and be able to really pull together and make it really work.

Overcoming the fear factor

There is some pain before the gain, no getting away from it.  The inclination to grab or force is overwhelming and absolute restraint is required.  At some point in time, most cowboys are going to get in there and consider roping and jerking a horse around, reverting to Neanderthal behavior. And, yes, if you pull out the whips and the ropes and threaten them with pain and punishment (or the “civilized” equivalent: loss of paycheck or approval) they’ll probably acquiesce, go through the motions and maybe even win a few races.

But you won’t get their hearts. You won’t engage their spirit.  We have to opt away from violence because violence in any form is not the answer; it is never the answer.  Now, in organizations, violence is not permissible, so we use fear and intimidation instead, and we link it to survival, a paycheck. But it all boils down to the same thing.

Out with the old

(MS)  Most organizations are involved in some sort of cultural transition – they realize the old  “command and control” way of operating is not effective. Yet they may not have a clear road map or the confidence to lead into the future. At times, they may resort to buzz words or clichés, which only further undermines their intent. Can you comment on the effects of mixed messages on trust and open communication?

(MR)There’s a scene in The Horse Whisperer towards the end of the film I’d never endorse.  Robert Redford has been working slowly throughout the film to gain the horse’s trust, and then he goes and hobbles him with ropes so the girl can get back on her horse.  Well, that was worse than if they had used ropes all along.

Feeling unsafe and insecure

Mixed messages confuse us and make us feel unsafe and insecure – they are antithetical to trust and cooperation. You never break trust once you have built it. You have to hang in there and resist saying one thing but doing another just because it’s easier.

Trust depends on commitment – it’s just like in a good marriage– no back door, no way out, you focus on the good stuff and build on the trust. (Note: Monty’s been married to Pat – wife, partner and mother of their 3 natural children and 47 foster children – for over 42 years)

There’s no such thing as failure

(MS)  In your book, The Man Who Listens to Horses, you give an example of the ways in which we “educate” the motivation out of our children in schools. (Note: In his book Monty describes an incident in which his teacher, Mr. Fowler, gives him a failing grade in an assignment because his vision of his own future -which included a racing stable and Thoroughbred training facility, all of which he now owns and operates – was not “realistic” enough.)  In many ways, by the time men and women enter the workforce, they have been taught not to dream or be curious or risk failure, and they bring this cautious mindset into the workplace and limit their expectations and aspirations.  How do we educate our children so we stimulate their own motivation and sense of responsibility?

(MR)  First of all, there’s no such thing as failure.  When it comes to learning, you have to be able to fail.  It’s a fundamental part of the process.  Children need lots of encouragement, and they need to be told what they are doing right.  Parents and educators have to take the time to identify what the individual child is doing well.  It doesn’t have to be big, but it has to be something honest and real, so the child understands you are really paying attention to her.

The best teacher I ever knew, Sister Agnes Patricia, taught me there’s no such thing as teaching.  Teaching implies an injection of knowledge and that is not possible.  Knowledge needs to be pulled into the brain by the student.  At best, we can create an environment, at home, school or in the workplace where individuals want to learn.  This is where we should be putting our attention.

Delusional optimism

(MS)  You have demonstrated what can be called an almost “delusional” optimism – an ability to believe and stay focused on extraordinary outcomes in the face of significant obstacles.  What do you think they would find if they were able to map your brain?  What helps to stimulate your attitude, keep you motivated?

(MR) There’s nothing different in my brain than in anyone else’s.  I have incredible tenacity, that’s for sure, but it’s not because there is something special about me that no one else has.  I guess I have my father to thank for my vision and tenacity.  If it weren’t for him, I wouldn’t have had to fight so hard. Maybe I wouldn’t have dedicated my life to ridding the world of violence in this way.

As difficult as my relationship with my father was, he also gave me a great gift.  If anything, I hope my personal story shows people they can achieve anything if they put their minds to it and that each of us has the ability to change and improve the world for everyone, humans and animals alike.

Changing the world one conversation at a time

Good ideas – ideas that feel right in the gut, that resonate with our best intuition and experience — spread like wild fire in dry brush.   The conversations they generate can find their way into people’s lives and change the world for the better.  Monty Roberts’ contribution through Equus promotes healthy dialogue in ways that change how we think about our own thinking and behavior. Pay dirt.

 Straight from the horse’s mouth

When we want to say we have the facts on something, we are sure we’ve got it right and our information is correct, we say we got it “straight from the horse’s mouth.” How fitting.   No need to shout about it though. Just ask the man who listens to horses and he will tell you that all it takes is…. a whisper. 


Trad. di Paolo Pianigiani

Disegno di Alena Fialova'

Disegno di Alena Fialova’

Dicono che un buon cavaliere può sentire quando un cavallo parla, ma un grande cavaliere lo sente quando sussurra.

Secondo questa definizione Monty Roberts è un grande cavaliere. Più che comunicare con i cavalli, Monty Roberts ha rotto con tutti i metodi tradizionali, che ormai erano diventati quasi immutabili, nell’addestramento dei cavalli, e ha definito un rapporto completamente nuovo con la razza equina.

Non ha solo migliorato le vecchie metodologie, ma ha letteralmente demolito la tradizione e ha convertito delle masse di credenti al suo nuovo e interessante approccio. Nessuna frusta. Nessun controllo o comando. Nessuna punizione. Nessuna paura.

Dopo tantissimi anni dedicati a osservare e studiare i cavalli nei prati selvatici del deserto, negli allevamenti e nelle piste da corsa, Monty è capace di decifrare e collegare significati ai movimenti e ai gesti non verbali dei cavalli.

I cavalli gli parlano e lui li ascolta. Alla fine Monty Roberts riesce a parlare con i cavalli. Riesce a entrare nel loro linguaggio silenzioso per capire la loro esperienza e dialogare nella loro dimensione.

Ma Monty Roberts non ha voluto tenere questo “dono” per sé, si è dato una missione chiara e ben definita: lasciare il mondo in una condizione migliore – per i cavalli e le persone – di quella nella quale lui l’ha trovato.

Ha dedicato perciò la sua vita a insegnare questo linguaggio silenzioso, nominato”Equus”, ad altre persone e a esplorare i vari modi in cui potremo utilizzarlo per capire meglio i cavalli e noi stessi.

Il suo lavoro ci invita a costruire fiducia e a migliorare la cooperazione e la collaborazione, applicando una comunicazione onesta e aperta.

Sono ben poche le imprese che non potrebbero raccogliere benefici da un aumento di quello che viene definito horse sense: una capacità di comunicare solida, intuitiva e coscienziosa. Organizzazioni blue chip come General Motors, Ibm, Disney e Merrill Lynch sono attente, anzi attentissime, alle metodologie e alla filosofia che Monty offre, tanto che questo straordinario personaggio ha già lavorato con più di 250 aziende.

I manager e i leader delle maggiori industrie continuano a prendere aerei per arrivare al suo allevamento Flag is Up Farm a Solvang, California, per vedere una dimostrazione di quello che Monty definisce join up (congiungere a): un gentilissimo modo di sellare un cavallo non domato dentro un’arena chiusa.

Join up è un processo comunicativo non verbale che segue uno scenario prescritto e di solito richiede al massimo un paio d’ore per stabilire un senso di sicurezza e fiducia fraMonty e il cavallo. È raggiunto quando il cavallo si lascia imbrigliare, sellare e cavalcare. Si tratta di un metodo notevolmente diverso da quello tradizionale di domare o “rompere” il cavallo. Molto più veloce, se si considera che, usando i metodi tradizionali, occorrono da 3 settimane a 2 mesi per domare un cavallo; e molto più umano, visto che gli allevatori sono normalmente disposti a usare corde, restrizioni e dolore per “rompere” i puledri.

Monty fa notare che queste tradizioni non denotano una disposizione innata e negativa nel cowboy. È un approccio semplicemente legato a centinaia di anni di abitudini e a una diffusa certezza che non esistano valide alternative: “Questo è il modo in cui si è sempre fatto, mio padre ha fatto così, suo padre anche e così via…”.

Lo scopo del sistema tradizionale è quello di dominare lo spirito e la volontà del cavallo (da qui il termine esplicito “rompere”) in modo che il cavallo ceda all’allenatore, si sottometta alla sella e a essere cavalcato.

Questo concetto lo ritroviamo nei luoghi di lavoro? Quanti impiegati descriverebbero la loro esperienza quotidiana in termini simili?

È dunque interessante approfondire la conoscenza di Monty Roberts. Con più di sessant’anni in sella (da quando aveva 2 anni ha cominciato ad andare più a cavallo che a piedi), ha partecipato con grande successo a varie attività nel mondo equino, troppo numerose per elencarle in questo articolo. Basterebbe dire che, durante la sua carriera affascinante, ha vinto quasi tutto nel circuito rodeo del West e ha lasciato il suo marchio nei circoli di galoppo internazionali.

Un suo cavallo, il famoso Alleged, ha vinto il prestigioso Arc di Triomphe a Parigi per due volte, ma Monty ha “gentilizzato” più di 10 mila cavalli e ha dimostrato la sua tecnica a più di 100 mila persone. Ha partecipato a diversi film di Hollywood (cominciando da quando aveva 5 anni) sostituendo in alcune scene davanti alla macchina da presa attori come Elizabeth Taylor in National Velvet e James Dean (un suo amico) ne La valle dell’Eden. Il suo libro, L’uomo che ascolta i cavalli (Rizzoli), ha venduto oltre 3 milioni di copie nel mondo ed è stato tradotto in 14 lingue in più di 20 Paesi.

Decisamente, Monty Roberts non ha bisogno di gonfiare le sue credenziali: ha esperienze sufficienti per riempire una dozzina di C.V. e l’ha fatto nel vecchio modo, l’ha guadagnato con il suo sudore e la sua perseveranza. Diciamo che ha pagato i suoi successi.

La decisione di combattere forza e violenza è stata forgiata nel legame doloroso che ha avuto con suo padre, Marvin Earl Roberts, che lavorava in una scuola ippica e dirigeva un’arena equestre di 800 box e in grado di ospitare 20 mila spettatori.

Come tanti allenatori del suo tempo, usava metodi crudeli e cruenti con gli animali. Era anche disposto a usare questi stessi metodi con suo figlio.

Monty ha deciso, quando era molto giovane, di fare diversamente: invece di seguire l’esempio del padre lui ha giurato di trovare un metodo più rispettoso e sicuro per il cavallo: un modo gentile. E niente gli avrebbe permesso di rinunciare alla promessa fatta ai suoi amici equini.

Così ho deciso di parlargli. Erano le nove del mattino quando ho telefonato a casa sua e al primo squillo ho sentito una voce calda e solida con una leggerissima cadenza di cowboy californiano già pronto per cominciare.

Straordinariamente eloquente, Monty ha la capacità di esprimere osservazioni psicologiche molto sofisticate in linguaggio semplice. È uno dei segreti del suo successo. Chiacchieriamo un po’ sul mondo dei cavalli e poi porto il discorso su quello delle imprese.

M.Seddio: Monty, che cosa possono imparare le imprese dalla tua esperienza con i cavalli?

Le imprese sono sempre alla ricerca di nuovi modi per aumentare la motivazione degli impiegati: legano ricompense alla produttività, elencano le core competencies eccetera, ma spesso non hanno una minima idea di quello che può funzionare veramente per la gente, come possono generare entusiasmo e la capacità di condividere obiettivi.

È essenziale capire le preoccupazioni dei dipendenti, raggiungerli dove sono, per alleviare qualsiasi turbamento essi provino, costruendo per loro un ambiente sicuro, nel senso ampio del termine. Sotto questo profilo, non c’è molta differenza fra la gente e i cavalli, particolarmente quando la gente è al lavoro.

Certo, i cavalli non devono pagare il mutuo, ma hanno le stesse preoccupazioni per sopravvivere. Si preoccupano per il cibo, chiedono se c’è acqua a sufficienza, se il posto è sicuro. Ma oltre alle preoccupazioni di cibo, acqua e sicurezza fisica, loro cercano la sicurezza emozionale.

Dobbiamo creare degli ambienti di lavoro “sicuri”, dove la gente possa imparare a condividere pensieri e opinioni, dove possa alzare il livello delle proprie speranze e aspettative.

Possiamo raggiungere un successo veloce quando usiamo intimidazioni, paure e violenza; questo è certamente efficiente per un certo aspetto. È efficiente ma non è duraturo. Se dobbiamo produrre qualcosa entro giovedì prossimo, per esempio, e io grido e castigo tutti per forzare il compito, probabilmente tutto sarà fatto per giovedì. Ma forse venerdì avremo qualche problema…

Quando le cose vanno in questo modo, otteniamo dei risultati veloci e crediamo che il metodo sia efficace; così, ci si abitua. Ma è un errore. Dobbiamo essere capaci di raggiungere i risultati di giovedì senza che il venerdì porti problemi.

Coloro che dirigono, che prendono le decisioni importanti, hanno bisogno di una forza di carattere che permetta loro di essere coerenti nel lungo termine e non semplicemente di “salvare” una certa situazione.

Non è semplice. L’inclinazione a forzare è incredibile e un autocontrollo assoluto è essenziale. Nei ranch, a un certo momento i cowboy cominciano a usare il laccio strappando il cavallo di qua e di là, ricorrendo ai comportamenti tipici dell’uomo di Neanderthal.

Eh sì, se tiri fuori le fruste e le corde e li minacci con dolore e punizioni (o l’equivalente civilizzato: la paura del licenziamento o di una riduzione dello stipendio o della semplice disapprovazione) probabilmente i cavalli, come le persone, faranno quello che chiedi e forse vinceranno delle corse: ma non prenderai mai i loro cuori, non impegnerai il loro spirito.

Dobbiamo decidere di non cadere nella tentazione della violenza, perché in qualsiasi forma la violenza non è la soluzione, non è mai la soluzione.

Certo, nelle imprese la violenza non è permessa: ma se usiamo la paura e l’intimidazione e le leghiamo allo stipendio, in fondo è la stessa cosa.

Molte imprese sono in mezzo a una transizione culturale: capiscono che il vecchio command and control come modo di dirigere non è più efficace (se pure lo è mai stato), eppure non sanno indicare chiaramente la strada del futuro.

Spesso sanno usare il jargon, le parole di circostanza, tutti i vocaboli giusti, quelli che vanno di moda al momento: teamwork, collaboration, intellectual capital eccetera, ma le loro azioni contraddicono il parlare e i dipendenti diventano cinici e disincantati.

In America questo double-speak è catturato perfettamente nei fumetti di Dilbert, che satireggia il dirigente burocratico del dipartimento delle Risorse umane.

M.Seddio: Potresti commentare gli effetti di questi mixed messages (messaggi contradittori) sulla comunicazione aperta e la fondazione di chiari rapporti di fiducia?

C’è una scena nel film L’uomo che sussurrava ai cavalli, verso la fine, che io non potrei mai approvare. Robert Redford ha lavorato lentamente durante tutto il film per ristabilire un senso di fiducia e sicurezza con il cavallo e poi, a un certo punto, lo impastoia con una corda per far montare una ragazza.

Ma questo è peggio che se avessero usato le corde dall’inizio! Messaggi misti e contraddittori ci confondono e ci fanno sentire insicuri e in pericolo, sono antitetici alla fiducia e alla cooperazione. Non bisogna mai rompere la fiducia quando hai lavorato per ricostruirla. Devi sostenere il momento e resistere alla voglia di dire una cosa perché sembra giusto e farne un’altra perché è più facile.

La fiducia rappresenta una promessa reciproca come in un matrimonio ben riuscito (Monty è sposato da più di 42 anni con Pat, che è sua socia e madre di 3 figli naturali e 47 figli adottivi, ndr): non ci sono vie d’uscita, scappatoie, possibilità di tornare indietro sugli impegni presi. Basta smentirsi una volta e il lavoro di mesi o di anni va in fumo.

M.Seddio: Nel tuo libro, hai dato un esempio perfetto dei modi in cui noi diamo una educazione fatta per frenare la motivazione naturale degli studenti (ne L’uomo che ascolta i cavalli, Monty descrive l’episodio in cui riceve dal suo maestro, il signor Fowler, un pessimo voto in un compito scritto, motivato dal fatto che la sua visione del futuro, che includeva la descrizione di una scuderia e l’allenamento al galoppo, non era sufficientemente realistica). Prima di arrivare nel mondo del lavoro, noi insegniamo ai ragazzi a non sognare, a non essere troppo curiosi, a non rischiare di “fallire”, e loro portano queste cautele e le adottano nei posti di lavoro, dove naturalmente limitano le loro aspettative e le loro aspirazioni. Come dobbiamo educare i nostri figli per proteggere e stimolare la loro motivazione naturale, coltivare il loro senso di responsabilità nel lavoro e la loro capacità di equilibrio?

Come prima cosa non esiste il concetto di “fallimento”. Quando parliamo dello studio o di imparare, bisogna essere pronti a sbagliare, è una parte fondamentale del processo. I ragazzi hanno bisogno di essere continuamente incoraggiati e devono sentire ripetutamente che quello che fanno lo stanno facendo bene.

I genitori e i maestri devono prendere il tempo necessario per identificare qualcosa di particolare che il bambino fa bene. Non deve essere qualcosa di “grande”, ma deve essere qualcosa di onesto e di vero, in modo che il bambino capisca che lo stai osservando davvero, che tu lo vedi sul serio. Dalla migliore maestra che io abbia mai conosciuto, sister Agnes Patricia, ho imparato che non esiste il concetto di insegnare.

Insegnare vuol dire trasmettere informazione e questo non è possibile. Ogni persona deve accogliere e rielaborare dentro di sé le informazioni: è un’attività creativa da parte di chi apprende. Al massimo, possiamo creare un ambiente, a casa, o a scuola o in ufficio, dove gli individui vogliano imparare. È qui che dovremo stare più attenti.

M.Seddio: Monty, tu hai dimostrato una capacità di credere e di sostenere con fiducia la tua visione nonostante gli ostacoli da superare per realizzarla. Che cosa pensi che troverebbero se potessero studiare il tuo cervello? Che cos’è che stimola il tuo abito mentale, che ti tiene così motivato?

Non troverebbero niente di particolare o speciale nel mio cervello. Sono come tutti gli altri. Ho una tenacia non indifferente, sì, quello è sicuro, ma non è perché c’è qualcosa di speciale in me. Forse devo ringraziare mio padre per la mia visione e la mia tenacia: se non fosse stato per lui, non avrei dovuto lottare in maniera così forte, forse non avrei dedicato la mia vita in questo modo a oppormi alla violenza nel mondo.

Per quanto il rapporto con mio padre sia stato difficile, è vero anche che lui mi ha fatto questo grande regalo. Se la mia storia e il mio lavoro dimostrerà ad altre persone che possono riuscire in qualsiasi cosa, se vogliono, e che ciascuno di noi ha la capacità di cambiare e migliorare il mondo per tutti, animali e persone, allora io sarò soddisfatto.

Per concludere:

Le buone idee, idee che si sentono giuste nella pancia, che vengono percepite con il nostro migliore intuito in base alle nostre esperienze, si propagano come gli incendi spontanei del sottobosco secco.

Le conversazioni che generano cambiano il mondo, lo migliorano. Si sostengono da sole, continuando a trovare luogo e importanza nelle nostre vite.

Il contributo di Monty Roberts con Equus parla da solo nelle sue infinite interpretazioni e applicazioni, promovendo un dialogo utile, mentre rompe delle barriere storiche per la comunicazione e la comprensione fra gli uomini.

In inglese, noi abbiamo un detto che connota la verità e l’onestà. Quando vogliamo dire che abbiamo chiarezza di una cosa, o che siamo sicuri di avere l’informazione giusta o corretta, noi diciamo che l’abbiamo sentito “direttamente dalla bocca del cavallo.” Appropriato. Non bisogna alzare la voce però: se chiedessimo all’uomo che ascolta i cavalli, sicuramente lui ci direbbe che basta… sussurrare.

 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...